giovedì 20 marzo 2014

A is for the answer? Manco col binocolo. La trash-recensione della final season di Pretty Little Liars (quarta stagione).

Anche quest'anno si è consumato il finale di stagione di una delle serie più trash che possiamo trovare in video in questi anni: Pretty Little Liars. Rendiamoci subito conto di una cosa, per chi è ormai entrato nel tunnel (perché sì, questo telefilm è come la droga), non potrà uscire fino a che non riuscirà a capire qualcosa. Cosa che chiaramente siamo ben lontani dal possedere.

** ATTENZIONE CONTIENE SPOILER ** Se andate avanti con la lettura arrangiatevi eh!

L'ashtag ufficiale della puntata era #Alitellsall, finalmente sta stronza morta, risorta una decina di volte si degnerà di parlare alle sue quattro (cretine) amiche. Si parte dove eravamo rimasti la penultima puntata: le quattro liars sono nel covo di Ali ma si stupiscono nel vedere una persona presente. Sarà forse Melissa, la donna che compare a casaccio, Cece oppure Shana? Io per un attimo ho sperato anche nella Dott.ssa Sullivan, ingiustamente eliminata dalla serie. 
Niente di tutto questo: Noel

Anvedi 'sto burino
Ora voi capite bene che sto invecchiando, ma cosa cavolo c'entra Noel con tutto sto impiastro di intrecci? Tra tutti i personaggi vanno a prendere proprio lui. Se l'inizio è questo, siamo a cavallo.
Mentre Hanna e Spencer iniziano una discussione zoologica sulle oche o anatre (giusto per mandare avanti il baraccone per due-tre minuti) arriva lei, la più inseguita e la più morta ragazza di Rosewood: Alison.

E una fettina di culo col limone

Le quattro liars si alzano in piedi, estasiate di fronte a cotanta visione mistica. Dopo più di un anno che le aveva tenute all'oscuro, portando anche tutte le ire di A su di loro, torna e vuole un abbraccio. Ma loro sono troppo buone e glielo concedono. Grandi amori per tutte eccetto per Spencer. Le due si guardano giusto per scambiarsi tremila occhiate di odio, un po' come farebbe Arisa con Mara Venier.
Ma veniamo al dunque Alison parla su. #Alitellsnothing


Nello stesso momento, nella "tranquilla" cittadina di Rosewood (con tutti sti morti ormai mi supera Cabot Cove, fatti da parte Jessica Fletcher) il super detective bono inizia una venticinquina di interrogatori contemporanei. La prima ad essere chiamata è Cece
La bionda, scomparsa per metà stagione, ritorna con l'accusa di aver ucciso Wilden. Aridaje, ma chissene di 'sta storia, ormai ce ne sbattiamo tutti da quando sappiamo che la milf mamma di Hanna è salva.

Portatemi Clio Make up per Cece, è un'emergenza

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo primo: Ian e Melissa
Che Alison fosse una vacca che la dava via come il pane, lo abbiamo ben capito stasera. Il primo fortunato è Ian (pace all'anima sua). Durante il soggiorno con Ali, Melissa li scopre raggiungendoli ed inizia a fare un casino che manco ad Uomini&Donne ne vedevo tanto.
Mentre Melissa starnazza, Ali scopre i famosi video di Ian, in cui è presente mezza Rosewood, e se li frega. Alla faccia vostra.

Melissa stai calma, tanto sei cornuta lo stesso

L'idea di Alison per stanare -A è questa: minaccio tutti coloro che penso siano indiziati, così se becco A non mi starà più a seguire. In questo modo Alison si è fatta nemica con Rosewood intera. Bel piano Alison eh!

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo secondo: Jenna 
La prima ad essere minacciata dalla risorta Alison è Jenna, in quel momento cieca (oddio al momento non so se sia tornata cieca o ci vede, visti i continui sbalzi oculari). I video in cui si fa Toby, sono il mezzo per minacciarla in maniera agevole: ti seppellirò, così conclude Alison (neanche Tina Cipollari arriva a tanto eh).

Ehm Alison, sei un po' fuori luogo qua eh.

Jenna 


Nel frattempo a Rosewood, colpo di scena! Ritorna Melissa, la quale ha il dono di farsi vedere proprio nei momenti meno opportuni. Dove l'avevano mandata questa volta? A Londra. Ma almeno questa volta non è incinta. Sappiamo solo una cosa: porta più rogna che uno specchio rotto.

Ci mancava giusto lei

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo terzo: Accadde quella notte
Finalmente parte il racconto di quella famosa notte in cui una tizia a caso venne uccisa. Si parte alla Di Laurentis House, dove la Signora D evidentemente isterica vieta ad Alison di uscire di casa. È una mamma così attenta che Alison non solo esce di casa con nonchalanche, ma si prende anche tre/quattro pasticche di sonniferi. Già che c'era io mi facevo anche una carbonara.
Scopriamo, però, il motivo per cui le quattro disgraziate sono cadute in un sonno lacerante: erano sotto sedativo (che grandi rivelazioni).

Bevi e dimenticati come sei conciata

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo quarto: Ezra
Alison si incontra con Ezra, il quale si è accorto che la signorina Ali va ancora al liceo. Tanto professore, quanto sveglio come un opossum. Di flashback in flashback si viene a scoprire che i due si erano conosciuti nel college di Cece; Alison con abile mossa si finge cultrice di Scott Fitzgerald leggendo due notizie su wikipedia. 
Voglio dire, Ezra credi ad una persona che non sa manco cosa voglia dire favolista?

Grandi imbarazzi a Pll. E grandi attoroni
E niente, Ezra dopo circa una decina d'anni di rapporto, scopre la verità su Alison e non la vuole più vedere. 
Insomma la storia che Ezra avrà speso milioni e milioni di dollari per seguirle e per scrivere un insulso libro su Alison è veramente reale. Mah.

"Ci vediamo" "No, invece". Maria chiudi la busta

Jenna
Ezra

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo quinto: Ian
Quella famosa notte Alison vide anche Ian, ce lo ricordiamo bene da qualche stagione fa. Ere geologiche fa.
Viene il turno della minaccia anche per lui: ho tutti i tuoi cavolo di video, stai bene attento. 
Ian se la fila con la coda tra le gambe, ma ad un interrogativo non riusciamo a trovare risposta da anni: cos'è il NAT club? 

Ma chi ti vole Ian!

Jenna
Ezra
Ian


Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo sesto: Spencer la pazza
Arriviamo al momento che tutti stavamo aspettando, Spencer ha ucciso Alison? 
Su una cosa sono tutte sicure, Spencer era strafatta quella sera, ha inseguito Alison con una pala, ma sul più bello è caduta e con lei le sue anfetamine (d'altronde sono o no quattro dementi?). Suor Ali accorgendosene si fa ripromettere che non ne prenda più e che vada a dormire. Lei le racconterà una storia e le darà il bacino della buonanotte.

Ricomincia pure domani.

Cinquanta Sfumature di Alison - capitolo settimo: Byron
Ricapitolando, Alison quella notte si è vista con Ezra, Ian, Spencer. 
Serviamo adesso il numero quattro: Byron Montgomery. Ebbene sì, se non lo ricordate (visto i duemilasettecento avvenimenti della serie) il padre di Aria si era fatta una ragazza dell'università (poi diventata matta, ma questa è un'altra di mille storie). Ed Alison se ne era accorta. 
Insomma di questo incontro non ce ne fregava una cippa a noi e manco a lei.

Giusto un pochetto orribile. Orribilina dai

Real Time presenta: Non sapevo fosse ancora viva! Con Alison Di Laurentis e Miss D
A questo punto Ali se ne va al fienile aspettando un messaggio, che non arriva. Da parte di chi?
Decide di andarsene a casa bella tranquilla quando badabam! Qualcuno/a le schiaffa un bel masso in testa. Tutto questo sotto gli occhi stupiti della signora D. 

Nooooo! Mi serviva per l'aiuola quel masso!
Ora mi tocca pulirlo, tutto quel sangue. 
Cosa fa una mamma che vede sua figlia colpita da un masso in testa? Chiama il 118, cerca un aiuto, urla, fa la respirazione bocca a bocca. Niente di tutto questo, seppellisce la figlia manco chiedendosi se è in vita o meno. Forse deve coprire qualcuno? Suo figlio Jason? 

Ora chi lo lava quel bel vestitino?
Dopo essere seppellita viva, viene aiutata dalla signora Grunwald (andate qui, per portarvi tutto alla mente) un personaggio inutile, se non che tira fuori Alison dalla bara di terra. La Grunwald la tira fuori, ma poi la lascia in giro per strada, bell'aiuto eh. Grazie mille

Mentre cammina come uno zombie per strada, arriva Mona. Ci mancava giusto lei. 
La accudisce per bene e le consiglia di non farsi più vedere, come se fosse morta veramente. In cambio Alison le porge dei consigli per diventare una figa totale: togliersi gli occhiali e truccarsi. E ci voleva Enzo Miccio per dare questi suggerimenti.
Ma Alison non poteva sapere una cosa, Mona era pronta per diventare la prossima -A (o meglio quella della prima e seconda serie).

Pippi Calzelunghe psicotica
Finalmente Epilogo

Al commissariato di Rosewood arrivano, nell'ordine: Cece, Veronica Hastings, Melissa e Peter Hastings. Scena commovente di Melissa in lacrime che parla con il padre Credi che l'abbia uccisa Spencer?. Ma c'è qualcosa che non va, deve dirlo a suo padre, sa chi ha ucciso Alison. 
Dai, sììì! È il momento che aspettavamo!
Mai una gioia: glielo dice all'orecchio.

Padre, ho peccato. Ho molto peccato
Intanto nell'Alison covo c'è qualcuno. Finalmente è arrivato -A e le fa schiantare tutte. Era l'ora. 
Inizia un inseguimento frenetico con le cinque starnazzanti ed -A goffo come un rinoceronte con la sciatica. C'hai una pistola in mano, spara no?

Le stupende idee di Aria
Sono sul tetto, terrorizzate, ma.. arriva Ezra! Anvedi oh, che aiutone. 
Ezra sa chi è -A e glielo dice in faccia (la furbizia fatta persona 'sto qui eh), con il logico finale che -A gli spara un bel colpo proprio nel fegato.

E DILLO, MUOVITIIII

Momenti frenetici dopo lo sparo, le cinque Liars riescono a prendere la pistola che finisce in mano ad Hanna, isteriche come non mai urlano in faccia ad -A: TOGLITI LA MASCHERA, ORA!
-A è pronto per toglierla, finalmente Pretty Little Liars dopo novanta puntate ha un senso. Scopriremo chi è -A, ci pensate?

Daje -A, vuoi una mano?

MAI UNA GIOIA: le cinque dementi si lasciano sfuggire -A da sotto il naso per la 1544534912645565645655655 volta, che fugge schiantandosi su di un muro.
Nel finale due super colpi di scena: Ezra è morto. O forse no. E la signora D fa la fine di sua figlia: sepolta viva. Le uniche due persone a conoscere l'identità di -A.

Se devo vedere sta faccia, meglio che li chiuda

Tale madre, tale figlia.

Morale della favola di #Alitellsnothing: NON sappiamo ancora chi sia -A, NON sappiamo ci sia la tizia uccisa quella notte, NON sappiamo cosa sia il NAT, NON sappiamo perché la signora D copriva qualcuno e chi. 
Insomma ancora una volta non ci hanno svelato una cippa nulla. Il tunnel di Pretty Little Liars continua, continua, continuaaaaaa...

7 commenti:

  1. aaahahah, grande trash-recensione per un episodio particolarmente trash! :)
    ma la notte in cui alison è scomparsa, di quante ore è fatta? è durata più di una partita di holly & benji.

    comunque una gioia c'è stata, almeno se ezra è morto per davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì almeno una ventina d'ore, viste le diecimila visite di Alison! :D
      Eh io non canterei vittoria, secondo me è vivo, ma in coma!

      Elimina
    2. meglio vivo e in coma che morto altrimenti nella quinta serie ci becchiamo 30 minuti su 40 le pippe mentali di aria e i suoi sensi di colpa

      Elimina
  2. Risposte
    1. Eò dopo quella puntata la possono beatificare!

      Elimina
  3. Sto ancora ridendo per la fettina di culo col limone. Comunque questa serie non mi dice niente e non l'ho mai vista ._.

    RispondiElimina
  4. Nuoooooo, devi assolutamente vederla! O___O

    RispondiElimina