mercoledì 12 febbraio 2014

La preparazione psicologica a Sanremo 2014: SanremoStory #2

Mentre ci avviciniamo senza freni al prossimo Sanremo (manca ormani meno di una settimana) cerchiamo di preparaci adeguatamente all'evento ripercorrendo ciò che di trash ci ha offerto nel corso degli anni.

Era il Sanremo 1999 e presentava Fazio (del tipo come si rinnova la televisione in quindici anni eh?), cantava Senza pietà Anna Oxa. Ma ciò che fece grande scalpore fu il suo outfit della serata: il perizioma che esce fuori dai pantaloni. Apriti cielo, processi senza fine, svenimenti, pressioni basse. Il tutto per un filino (minuto 06:30) che diciamocelo è molto grezzo, ma comparato alle poppe al vento che troviamo ai telegiornali o alle 9 di mattino questo è una bazzeccolina (vedi Belen che scende la scalinata con la farfalla di fuori).



Da un Fazio ad un altro: parliamo dello scorso anno e di un abitueè di Sanremo. Sto parlando di Albano. Per dimostrare tutta la sua virilità ed il suo machismo inside, decise di fare delle flessioni direttamente sul palco. Mentre dietro le quinte erano già pronti i defibrillatori, tutto andò per il verso giusto ed Albano fu proclamato gran maschio dell'Ariston per la gioia delle vecchiette impellicciate, beatamente imbalsamate sui seggiolini.




Siamo nel 1995 quando Toto Cotugno (dalla folta e tinta chioma) cantò questa indimenticabile canzone: Voglio andare a vivere in campagna. Indimenticabile perché non si può scordare il ritornello taglia vene e testicoli, unicamente composto da un lamento alla "ho mangiato mezzo chilo di cozze andate a male aaaah ah, aaaaah ah". 
Ma Toto vuole la rugiada che lo bagni.




Era il lontano 1989 quando al Festival arriva Maurisa Laurito. Avete proprio capito bene, Marisa Laurito. Vi potete immaginare quale canzonciona avesse portato e scelto quell'anno. Ecco, si intitolava Il babà è una cosa seria. Interpretazione magistrale, intonazione (im)peccabile e testo significativo: Il babà è come il ciucciotto, la coperta di Linus (con l'accento sulla u). 


16 commenti:

  1. Risposte
    1. Niente potrà salvarci da Sanremo! AAAAAH

      Elimina
  2. Avevo rimosso questi orrori e tu me li hai fatti tornare in mente! Crudele....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vanno tenuti sempre in mente, vuoi mettere ti trovi in un appuntamento importante e non hai spunti di discussione? :D

      Elimina
  3. Sono talmente fusa che al posto del titolo avevo letto "preparazione istologica"...ma poco ci manca!
    Comunque, il perizoma della Oxa me lo ricordo bene, io che negli anni 1999 e poi 2000 mi son sorbita i perizomi di tutte le burinazze convinte d'essere all'ultimo grido. Sì, ma di terrore.

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio non me lo ricordare manco a me la preparazione istologica! :S
      Comunque ti sono vicina per queste obbrobriosità :(

      Elimina
  4. dai dai, che il sanremo 2014 sta per arrivare!

    RispondiElimina
  5. AAAAAAAAAAAH! Tutti questi orrori insieme sono difficili da digerire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti parliamo di Sanremi e Sanremi concentrati tra di loro! :O

      Elimina
  6. La Oxa col tanga a vista è urenda, però la canzone mi garba :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La canzone piaceva tanto anche a me! :D

      Elimina
  7. Risposte
    1. Nuooo Mis, così mi scadi però! Ligabue nuoooooooooooooooooooooooo! :P :P

      Elimina