mercoledì 18 settembre 2013

Amore puro, di Alessandra Amoroso: analisi semiseria e politically scorrect


Ciao a tutti, sono Alessandro Bianchi, anche conosciuto come Tredici, il blogger di Zucchero Sintattico, e sono qui su Trashipirina perché ogni tanto mi piace far visita al mio amico Doctor Ci per parlare di un po' di sano trash. Okay, non prendiamoci in giro: sono qui per fare pubblicità al mio blog e soprattutto alla mia candidatura come Mister Internet ai Macchianera Italian Awards. Se vi va, passate da questo link e votatemi, è facilissimo e ci vuole un minuto. 

Ecco, ora che mi sento Claudio Baglioni quando deve promuovere un disco, posso passare all'argomento di oggi: Alessandra Amoroso. Non so se lo sapete ma, per la gioia dei cimiteri tutti, se ne è uscita con una nuova canzone, Amore Puro. Poiché mi rendo conto che sia davvero dura guardarsi quattro minuti e ventisette secondi di piagnistei, ho deciso di recensirvi il video. Almeno non lo dovete fare voi. Se invece volete farlo (metti che siete masochisti, o sordi, o amate questo genere di lammia) potete ascoltarlo qua sotto:



Il video si apre con la nostra cantante preferita che mostra, come è suo solito fare, un'espressione di genuina felicità.

Peppèppèppèppeppè ♪♫
Viva la vita!!!

Cosa ti è successo, Sandra? Ti è morto il criceto? Ti hanno rubato le Vigorsol? Non trovi più le scarpe? Evidentemente la risposta esatta è quest'ultima, visto che la nostra cantante preferita è scalza, per terra, appoggiata al letto. Tesoro, visto che sei lì a rimirare il pavimento, rimiralo da sopra il letto che almeno eviti di prenderti il mal di gola.

Sandra comincia a cantare. Pazienza, dovevamo aspettarcelo, anche se speravamo in una intro strumentale molto più lunga. Due o tre minuti, tipo. Scopriamo che la nostra cantante preferita si trova in un albergo, o almeno crediamo che sia così. Per un attimo la vediamo vestita di nero e coi riccioli, e da ciò arguiamo piuttosto facilmente che l'Amoroso quando è fuori casa si porta dietro l'arricciacapelli, ma è solo un breve istante, perché poi ci vengono mostrate scene in cui lei cammina lentamente e dolcemente per la stanza, accarezza le tende, cammina lentamente e dolcemente sul terrazzo, accarezza ancora le tende.

Come sono morbide queste tendine, e la loro semitrasparenza
produce questo effetto così altamente melodrammatico, oh ♥

Cambio scena. Alessandra è vestita come una benzinaia della Tamoil. Probabilmente è pubblicità, adesso il product placement è così diffuso, e questa sarà solo una sottile strizzatina d'occhio per i grandi petrolieri. Mentre la nostra cantante preferita è lì che passeggia sconsolata e depressa, si assiste a una curiosa staffetta: un tizio scelto per la sua evidente somiglianza con Eddie di Tekken 3 sta correndo. Invece che chiederci il motivo che lo spinge a correre, ci viene solo il dubbio di quale droga lo abbia fatto optare per questo curioso outfit composto di canottiera nera e bombetta in testa. Ma vabbè.

Chi cazzo m'ha vestito/pettinato/dato alla luce?

Intanto che quell'altra, cioè la nostra Alessandrina Amorosina, continua a cantare, vediamo una battona occidentale parlare con una cinese. Ecco che arriva Eddie di Tekken 3, che deve scegliere qualcuno a cui passare la staffetta. E chi sceglie? Ovviamente la cinese. Deve essere tutto un complotto per spodestare i bianchi dalla vetta delle classifiche pop.

Potere al terzo mondo, con disappunto delle bionde
La conferma la abbiamo quando vediamo la cinese che raggiunge un altro extracomunitario, probabilmente trafficante di bici rubate, e gli passa la staffetta. Ci siamo già un po' rotti le palle di questo giochino, e in effetti desidereremmo sapere come va a finire, ma questa BELLISSIMA canzone durerà ancora altri tre minuti, quindi mettiamoci l'animo in pace.


Intanto che il nero inforca la sua bici rubata e continua il giro, la nostra cantante preferita si esibisce in altre incoraggianti espressioni di sommo gaudio.



Un secondo, aspettate un attimo. Ma quelli sono tacchi? CIOÈ CIOÈ CIOÈ non paga di essersi vestita come la paladina dei metalmeccanici si è messa pure i tacchi per completare l'outfit orrendo?

No, vabbè.

Nel frattempo la palla passa all'ennesima comparsa di colore (come vi sarà giunta voce, la Lega sta usando questo video come pretesto per dire che gli immigrati rubano il lavoro agli italiani), e successivamente a un povero turista bianco che viene costretto a correre mentre il nero gli insidia la donna. Hai capito 'sti clandestini, prima il nostro lavoro e poi le nostre donne - veramente, vi dico che Bossi è già lì col forcone.


Ci sono sempre più frame che mostrano la nostra Sandrina indossare il già citato vestito nero con tanto di acconciatura figa (merito del suo portentoso arricciacapelli), ma intanto la staffetta viene ceduta a una bionda in carriera, ma sì, uno stereotipo in più che sarà mai, e allora c'è una bionda con gli occhiali da sole che parla al cellulare con aria esagitata e indossa un vestito lungo perché le hanno detto che deve rappresentare una yuppie della società americana, ma arriva il tipo e via a correre anche lei.


Dai, dai, resistete ancora un attimo che manca pochissimo. Lo so che piuttosto di continuare la visione preferireste ingoiare il Viakal e morire intossicati, ma ormai siamo alla fine. Sì, perché la bionda passa il testimone a un individuo che probabilmente appartiene a una etnia ancora non affrontata. Ma chi se lo ricorda, praticamente c'ha partecipato il mondo a questa staffetta.

Per nulla sorpreso il tipo.
Parentesi: nel frattempo l'Amoroso si è spostata in una fabbrica, c'è andata col vestito lungo rosso. E sorride. MA CHE TE RIDI CHE DOPO C'HAI DA LAVALLO TE MICA IO, MICA.


Finalmente la staffetta si conclude: tutti i partecipanti si stavano passando non la cocaina come ci sembrava palese, e nemmeno un potente sonnifero per l'Amoroso come speravamo, bensì un cellulare. La nostra cantante preferita lo prende, manco ringrazia 'sta stronza, che è tutto il giorno che fa girare dei poveri cristiani come la merda nei tubi, e risponde. Non si chiede chi cazzo è che le telefona usando un cellulare arrivato dal cielo, e nemmeno noi riceviamo risposta per la stessa domanda. Ma io un'idea ce l'ho: è il regista del video, che le dice ALESSA', E FATTELA UNA RISATA UNA.

E infatti lei ride.


21 commenti:

  1. No, io la ODIO! La sua voce mi fa schifo e lei ha una faccia da schiaffi assurda!
    Che poi mi ricorda una tizia che mi sta sulle palle, sicchè, siamo a cavallo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dici Mis? Ti sta simpatica? Vorresti il suo numero di telefono per chiamarla ogni giorno? Ohhh, ma questo è amore!

      Elimina
  2. Ahahaha "t'hanno rubato le Vigorsol" mi mancava! :D
    Ma dove le trovi tutte ste sortite, non dormi la notte o ti vengono così? Mi fai morì! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà mi vengono così, ma non dormo nemmeno la notte! ._.

      Elimina
  3. Ale sei peggio del prezzemolo...
    ed io ti lovvo per questo!
    ah la amoruso ha il suo perché... ma alle volte dimentico quale sia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quei perché che a volte sfuggono...

      Elimina
  4. Risposte
    1. È un sentimento sano e duraturo, allora!

      Elimina
  5. Ho provato a guardarlo per un minuto, ma non sopporto la voce melodrammatica di Alessandra, soprattutto quando inizia con i suoi acuti perfora-timpani. Ma sto video è una roba oscenissima! E sono rimasto deluso perché pensavo si passassero droga, uffa era un banale cellulare ://

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, e comunque all'inizio si vede bene che non hanno niente in mano: il cellulare si vede solo alla fine. È UNA TRUFFA!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ti consiglio di non accendere le radio, se non sai chi sia...

      Elimina
  7. Tra lei e la Emma Marrone non so chi butterei prima dalla torre...

    RispondiElimina
  8. io butterei giù la torre, direttamente...

    Comunque....Ale, che te lo dico a fà? Lo sai che adoro i tuoi post....anche quando non sei sul tuo blog XD (ne voglio uno sul mio....u.u)

    RispondiElimina
  9. Vogliamo parlare del testo? "Fuggo da questa città perché non possa guardarmi, perché non possa fotografare la condizione del mio cuore" Non ho avuto il coraggio di proseguire oltre nell'ascolto, anche perché a un certo punto mi sembrava una canzone dell'ACR.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, dopo veniva il bello, non sai che ti sei perso!

      Elimina
  10. l'unico post sulla Amoruso che valesse la pena di essere letto!

    RispondiElimina