sabato 16 febbraio 2013

Sanremo - story o Sanremo - agony? Commenti acidi sulla quarta serata del Festival.

Ed arrivò il venerdì, serata designata dalla dinastia di Pippo Baudo XI alle vecchie canzoni sanremesi. Insomma, un tappabuchi bello e buono per riempire ed arrivare a cinque serata (anche perché non se ne può più di sentire le stesse canzoni per venticinque volte, visto quanto sono oscene).

È anche la serata della finale dei cciovani relegata in venticinquesima serata (iniziata a mezzanotte); ora capisco che dal punto di vista televisivo non portino tanto appeal al festival, ma farli cantare ad orari improponibili mi sembra inutile.
Mentre cercavo (invano) di tenere gli occhi aperti in qualunque modo possibile, i quattro finalisti si sono contesi il premio finale che è andato ad Antonio Maggio con la canzone Mi servirebbe sapere.
Dopo aver ascoltato il ritornello e fammi male, fammi male, fammi male, fammi male, anche io avevo istinti fetish. Su di lui però. Ero già pronto con frustino e tuta in pelle, per dire.

Antonio Maggio: fammi male, ma tanto maaale!

Rubino vince il premio della critica Mia Martini, premio all'irrequietudine al tenore che canta con lui e che compare a metà canzone. Con le mie coronarie che sono partite alla visione.

Il resto della serata è dedicata al vintage Sanremo, ogni cantante ha scelto una vecchia canzone degli anni passati. Mi ha colpito particolarmente Maria Nazionale con Perdere l'amore (abbinamento della morte), colpito nello stomaco e nei testicoli. Un colpo profondo a cui potevo soccombere, ma ce l'ho fatta comunque.
Per Elisa se n'è andata definitivamente dopo il duetto Annalisa-Emma Marrone (mancava giusto la De Filippi sul palco). Roba che la droga mi serviva veramente per sentirla. Ma poi perché Emma è sempre incazzata? Tesoro mio, datti pace, stai tranquilla su.
Per il look vince Max Gazzè con Ma che freddo fa di Nada, uno smocking con un pappagallo scuoiato sul culo. Che si sia seduto su una gabbia?
Infine altre due canzoni uccise sotto il colpo di Sanremo story: Luce di Elisa cantata (leggasi storpiata) da Gualazzi (che riuscirebbe ad invecchiare anche S.O.S. di Rihanna) ed il ragazzo della via gluck in salsa rap-raggae. Del tipo che mi sono chiesto se l'erba che c'era una volta (dove ora c'è una città) se la fosse fumata tutta il cantante.

Gli ospiti: si vede che c'è crisi. Crisi nera. Ricordi amari di quanto Madonna/Queen/TakeThat e tanti altri cantavano sul palco dell'Ariston.
Quest'anno ci dobbiamo accontentare de: 1) il corvo Rockfeller (ed il suo ventriloquo) con venticinque minuti di gag da sparo a pochi minuti dall'una di notte (e le due cose sono assolutamente INCOMPATIBILI).

Dopo Madonna ed i Queen, l'ospitone della serata..

2) La moglie di Mike simil-Joker simil-Ivana Spagna che poteva esplodere da un momento all'altro a causa delle enormi dosi di botulino in faccia.

Non dormirò per giorni.
3) Pippo Baudo con la ricrescita o un piccione in decomposizione in testa che non si rinviene manco ad una battuta fatta.

Pippo Baudo con il piccione in testa

4) Albano che fa le flessioni sul palco. E manca poco ci rimane secco. Ecco dopo tutti questi esempi abbiamo capito molto bene che anche a Sanremo c'è crisi.



Stasera la serata finale, nella speranza che gli sguaiati dei Modà con le canzoncine alla Moccia 3 metri sopra il cielo pucci pucci pù non vincano. Buona finale!

12 commenti:

  1. no, guarda...se vince Pino Silvestre emigro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha ho capito ora chi fosse Pino Silvestre :D

      Elimina
  2. "Per il look vince Max Gazzè con Ma che freddo fa di Nada, uno smocking con un pappagallo scuoiato sul culo. Che si sia seduto su una gabbia?" AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAH
    Mi piace il tuo approccio ornitologico al festival... devo dire che il corvo Rockfeller me lo sono perso, probabilmente devo essermi appisolato! :D Che star, ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male te lo sei perso, momenti di televisione sonnolenta!

      Elimina
  3. ahaha :)
    sanremo è comunque fantastico, a modo suo.
    nonostante lo show in sé sia una noia mortale, tira fuori una serie di commenti così spassosi da risultare probabilmente l'evento tv più divertente dell'anno.
    anche se più per merito di social network, blog e commenti vari che non per meriti suoi.

    e poi va bene che c'è crisi, ma io pur di avere degli ospiti un minimo meno tristi sono a pagare un canone più alto. l'ho detto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti Sanremo è bello per quello, nel bene o nel male tira fuori tutta la nostra acidità! <3

      Elimina
  4. ahuahuahuahua mi hai fatto morire
    Max Gazzè non ho capito, se come dici tu, aveva schiacciato un povero pappagallo e se voleva pavoneggiarsi.
    La faccia della moglie di signor Allegria era preoccupante, mamma mia che scempio!!!!
    Maria Nazionale è riuscita persino a rendere pensate quella canzone, perché è cosi quella donna? mandatela un po' di mesi in Jamaica con i cantanti della via gluck, magari ritrova l'allegria.

    RispondiElimina
  5. io sono riuscita nell'intento di non vederne nemmeno un secondo...
    e mi sento divina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sicuramente divina se ci sei riuscita! *.*

      Elimina
  6. Ho premiato il tuo blog con il versatile blogger awards!Se ti va di partecipare passa dal mio blog,mi farebbe molto piacere! :)

    Only a storm in a coffee cup

    RispondiElimina