lunedì 18 febbraio 2013

Il pagellone di Sanremo 2013! + Trashremo, and the winner is..

Sanremo è finito da due giorni e già sento la sua mancanza.
Sto cercando di superarla annunciando le portate della cena alla moda festivaliera: "di mia mamma e del forno, Pollo con patate: mangia Doctor Ci".
In alternativa mi dovrò mettere un poster di Vessicchio in camera o fare le scale di casa con un cambio d'abito ogni dieci minuti minimo, per poi dire: ho avuto sempre timore di fare la scalinata di Sanremo!

Ma veniamo a noi, alle pagelle di questa 63esima edizione del Festival, pagelle chiaramente incentrate sul trash che abbiamo incontrato in cinque serate.
Primo premio per il look dell'orrido con la new Barbie Girl Maria Nazionale con una mise rosa shocking nella prima serata, roba da far venire una decina di infarti ad Enzo Miccio. Notevole anche la regione strizza-poppe.

Maria Nazionale is the new Barbie Girl


Scelgo anche un'altro vestito: quello della Molinari (la Gaga denoantri - se, le garberebbe!) alla prima serata; una tovaglia natalizia, mancavano giusto il panettone ed un centrotavola con candela in mezzo alle poppe.
Bar-acca Rafaeli
Ma perchè non parlare anche di Bar Rafaeli? La bellamainutile indossa un vestito vedo-non vedo, o meglio, vedo e basta alquanto orrido.
La tovaglia natalizia indossata dalla Molinari


Per la moda uomo vince il premio di vestito trash Max Gazzè: da non dimenticare lo smocking con il pappagallo spiaccicato direttamente sul culo. 


Anche per Lucianina Littizzetto non ci siamo certo limitati con i vestiti, direi che di alcuni ne potevamo fare certamente a meno. Anche per lei il tema è simil-natalizio (gli era presa così quest'anno), tovaglie come se non ci fosse un domani. 
Notevole quello della finale con lo struzzo scuoiato sulla gonna.






Veniamo alle canzoni: anche qua sul podio non posso non mettere quella di Maria Nazionale, anche perchè una più brutta non l'ho ancora sentita. Ho avuto un sanguinamento dalle orecchie che non sono ancora riuscito a suturare. 
Parliamo anche della canzone che hanno cantato gli Almamegretta; io ho capito solamente "dispari" in tutta la canzone. Forse è un bene direte voi. Sì, forse lo è.
Canzone vincitrice è Mengoni con L'essenziale; a lui ne preferivo molte altre (oddio ora molte, non esageriamo) ma abbiamo comunque fatto un passo avanti rispetto a quella di Emma dell'anno scorso. Un piccolo appunto Marco, predi una dose più piccola la prossima volta che ti esibisci, almeno evitiamo di trovarti così:
Mengoni, l'essenziale è che tu abbia la sincronia degli occhi
Per quanto riguarda gli ospiti Sanremo sottotono: momenti trash da ricordare sono sicuramente Toto Cotugno e l'armata rossa che cantano Volare sul palco dell'Ariston. Lui non se ne andava manco a pagarlo. Finale quindici minuti di palle che giravano più di pale eoliche.
Toto e l'armata: un momento da (non) ricordare
Tanto per non farsi mancare niente chi ti arriva? Albano. Sempre più basso e sempre più allargato entra cantando Nostalgia canaglia. Proprio per iniziare bene il tutto. Acuti che manco le meteoriti in Russia avevano frantumato così tanti vetri e flessioni finali. 

Albano e le flessioni. Momenti di alto livello trash televisivo.
Poi è stata la volta di Pippo Baudo, insomma tutto il reparto geriatrico l'hanno girato in lungo ed in largo 'sta settimana. Pippone che non poteva mancare visto che l'Ariston è il suo habitat naturale. Però insomma, ne facevamo anche a meno.

La paura.
Nota di merito alla moglie di Mike Bongiorno che vince il premio rifatti a Sanremo: così tanto botulino in una faccia non ne avevo visto mai. Ho temuto potesse esplodere da un momento all'altro in caso venisse urtata da qualcuno in maniera imprevista. 
Se notate le labbra ormai sono arrivate all'altezza delle orecchie. Insomma se ride le si tappa il timpano e tutte le ossicina. (e le ghiande in bocca? Ah no, quello era Cip).




Ma veniamo al festival di Trashipirina: Trashremo
La finalona si è chiusa domenica sera con le tre canzoni candidate: Dimmelo di sì di Wilma de Angelis, La borra remix di Antonella Clerici e Mannequinz di Osvaldo Supino. Lotta serratissima agli antipodi di età tra Osvy e Wilmy...

And the winner is... WILMA DE ANGELIS con Dimmelo di sì! (50% dei voti) 



16 commenti:

  1. Io degli almamegretta ho capito ''Mamma non lo sa'' e ''riprendiamoci l'umanità''.. Chissà per arrivare a quell'ultima frase cos'avrà detto in mezzo!.. Credo non lo sapremo mai!

    RispondiElimina
  2. Evvai Wilma!!!!!!
    Un Sanremo supertrash questo!

    RispondiElimina
  3. Mengoni e la sua canzone non sono riuscito mai a sentirla come si deve finché canta con la faccia così ;| xD

    Menomale non sono l'unico che ha notato questa cosa xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nono, ma poi non perdi nulla manco a sentirla tutta eh!

      Elimina
  4. quest'anno ce l'hai avuta dura, visto che è stato un festival meno trash del solito...
    meno male che a tenere alto il livello del trash nazionale c'ha pensato la maria nazionale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero la ringrazio con tutto il <3, se non ci fosse stata lei non avrei potuto parlare! Sono lontani i tempi di Canalis traduttrice e Belen farfalla!

      Elimina
  5. La voce di Wilma, così dolce e tremante, è la rivelazione di questo Trashremo. Semplicemente meravigliosa.
    Quanto all'imitazione di Trashremo, Sanremo, non posso che concordare su tutto caro Ciuffs. Io non riesco più a dormire dopo aver visto la moglie di Mike... devo imbottirmi di camomilla e valeriana ogni notte. :'(
    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero Raffy, dai ce la faremo a dimenticarla prima o poi :'(

      Elimina
  6. meno male che ce lo fanno tutti gli anni...
    però su quel donnino della lucianina mi aspettavo un'ampia apertura..

    RispondiElimina
  7. Mi ero persa questo post esilarante!!
    Grazie per avermi regalato due risate di quelle belle grasse :D

    RispondiElimina